Posts contrassegnato dai tag ‘Sviluppo di Comunità’

COLLABORARE cover 2018

Dal 18 gennaio è disponibile nelle librerie una nuova edizione del volume Collaborare: metodi partecipativi per il sociale, edito da Carocci (Roma). Il testo, ampliato e aggiornato, si propone come uno strumento per pensare e agire in un welfare plurale, capace di valorizzare le competenze, formali e informali, presenti in una comunità. Vai alla SCHEDA LIBRO                                                                                Promuovere coesione sociale, salute e qualità di vita attraverso l’azione congiunta di istituzioni, terzo settore, imprese e cittadini attivi è una prospettiva indicata da molte leggi e una vasta letteratura scientifica. Dalle politiche sociali alla prevenzione, dai programmi d’integrazione alla rigenerazione urbana, è sempre più evidente l’importanza di fiducia e cooperazione nel determinare benessere e sviluppo. Gli approcci partecipativi sono oggi chiamati a rimodularsi sui tratti di società locali profondamente mutate sul piano demografico (invecchiamento, migrazione), occupazionale (flessibilità, precarietà), relazionale (forme del legame) e culturale (valori, stili di vita, tecnologie). La collaborazione rappresenta il processo cardine dei nostri tempi. Di seguito l’indice completo del volume

Introduzione
1. Operare in un welfare in trasformazione 

Genesi e crisi di una grande conquista sociale/Crisi e complessità come parole chiave del contemporaneo/L’apoteosi dell’individuo consumatore/Le molte concezioni del benessere
2. Trasformazioni sociali e azione pubblica 
Una società in piena mutazione demografica e culturale/Pervasività della tecnica/Apatia politica e nuove forme dell’azione pubblica
3. Alle radici della collaborazione
La dialettica egoismo-altruismo: un dibattito ricorrente/Gli esseri umani come collaboratori nati?/Il processo collaborativo/Collaborazione e conflitto: un intreccio imprescindibile
4. Politiche pubbliche e coprogettazione 
Una molteplicità di attori/La collaborazione come requisito di una governance efficace
5. La partecipazione oltre la mitologia 
Un processo multiforme a intensità variabile/Creare condizioni favorevoli alla partecipazione/Esiste una domanda di partecipazione?/Creare un ambiente favorevole all’impegno sociale
6. Partecipare nell’epoca dei social media 
La comunicazione nel tempo dei social network/New media e pratiche collaborative
7. Politiche sociali e di cittadinanza attiva 
Includere generazioni e culture/Nuove generazioni e politiche giovanili/Un’inedita similitudine: anzianità e immigrazione
8. Promozione della salute e politiche territoriali 
Qualificare gli ambienti di vita/Le politiche territoriali
9. Conoscere contesti, attivare soggetti 
La metafora ecologica dell’intervento sociale/La ricerca-azione partecipata/L’osservazione partecipante/L’ascolto attivo/L’outreach/Photovoice e autonarratività/Il focus group
10. Costruire reti sociali, coordinare azioni locali 
Tessere reti collaborative/Coordinare gli sforzi su obiettivi comuni
11. Trasformare conflitti, sostenere percorsi di autopromozione 
Energia per il cambiamento/Accompagnare indirettamente
Bibliografia

Annunci

E’ il titolo del Corso professionalizzante di 350 ore organizzato a Milano da Metodi e interamente finanziato dal programma “Doti Formative” di Regione Lombardia. Il corso prende il via il 21 dicembre 2009 e si sviluppa fino al mese di giugno 2010. Il programma del corso spazia in varie aree tematiche riguardanti i gruppi, le reti sociali, lo sviluppo partecipato, la ricerca sociale e altro ancora. Il percorso si rivolge a persone inoccupate (cioè che non hanno mai lavorato) e mira a fornire una preparazione di tipo professionale. Arricchisce il percorso uno stage di 80 ore presso strutture e servizi che operano nel settore. Per saperene di più visitare la sezione “formazione finanziata” sul sito www.retemetodi.it

Regione Piemonte

CORESA ed ARESS Piemonte organizzano il Convegno Regionale “Rete materno-infantile: percorso assistenziale territorio-ospedale-territorio” nel cui ambito è prevista una relazione dal titolo “Progetto di democrazia partecipata OIRM-Sant’Anna” per mercoledi 25 novembre 2009 nell’Aula Magna dell’Ospedale S.Giovanni Battista-Molinette a Torino. Informazioni dettagliate sull’iniziativa sul sito: www.ecmpiemonte.it

copj13E’ fresco di stampa l’interessante volume curato da M.Luppi dal titolo Coesione sociale nella città. Azioni e relazioni nell’esperienza di due quartieri di Milano edito da Guerini (2009). “Molti si interrogano oggi sulla possibilità concreta delle politiche pubbliche e dell’iniziativa privata di promuovere a livello locale la cittadinanza nel rispetto delle differenze, la solidarietà in una comunità, lo sviluppo integrato. Questo volume prova a offrire alcune risposte, al termine di un percorso che Regione Lombardia ha voluto intraprendere in via sperimentale per promuovere la coesione sociale nei quartieri degradati delle città, in territori difficili ma vitali, fondando sulla sussidiarietà i processi partecipativi, la qualificazione dei legami sociali e le azioni di sviluppo di comunità”.

Case Popolari

In occasione del 25° anno di attività il Centro di Formazione Metodi organizza a Milano un corso annuale di 17 giornate concentrate in moduli di due giornate l’uno (nei week end) a partire dal 17 ottobre 2009 per concludersi il 13 giugno 2010. La Scuola offre un bagaglio di metodi e strumenti per chi opera professionalmente nel campo dei progetti territoriali partecipati. Il programma completo del corso è scaricabile sul sito www.retemetodi.it

Rom 1Incontro di studio promosso da Metodi in collaborazione con la Cooperativa sociale Kaleidoscopio di Trento a Milano il 22 maggio 2009 alle ore 18.00. Nel seminario verrà presentato un modello d’intervento socio-educativo ispirato alla metodologia di Paulo Freire a partire dal caso concreto del campo Sinti di Trento. Interventi di O.Filosi, S.Petrolini, E. Poli (Kaleidoscopio), M.Civico (consigliere della Provincia Autonoma di Trento), P.Reggio (Università Cattolica di Milano e IPF Italia). Coordina E.Ripamonti (IPF Italia-Metodi).

differenzartiNelle giornate del 28-29 e 30 aprile 2009 si tiene nei comuni di Brescia, Desenzano del Garda e Lumezzane  un interessante serie di incontri e workshop sul tema dell’arte e la differenza e come il teatro sociale può contribuire a produrre senso di comunità e inclusione sociale nel territorio. L’iniziativa è realizzata nell’ambito del Programma Cultura dell’Unione Europea con il contributo di regione Lombardia.