Archivio per la categoria ‘Lavoro sociale di rete’

COLLABORARE cover 2018

Dal 18 gennaio è disponibile nelle librerie una nuova edizione del volume Collaborare: metodi partecipativi per il sociale, edito da Carocci (Roma). Il testo, ampliato e aggiornato, si propone come uno strumento per pensare e agire in un welfare plurale, capace di valorizzare le competenze, formali e informali, presenti in una comunità. Vai alla SCHEDA LIBRO                                                                                Promuovere coesione sociale, salute e qualità di vita attraverso l’azione congiunta di istituzioni, terzo settore, imprese e cittadini attivi è una prospettiva indicata da molte leggi e una vasta letteratura scientifica. Dalle politiche sociali alla prevenzione, dai programmi d’integrazione alla rigenerazione urbana, è sempre più evidente l’importanza di fiducia e cooperazione nel determinare benessere e sviluppo. Gli approcci partecipativi sono oggi chiamati a rimodularsi sui tratti di società locali profondamente mutate sul piano demografico (invecchiamento, migrazione), occupazionale (flessibilità, precarietà), relazionale (forme del legame) e culturale (valori, stili di vita, tecnologie). La collaborazione rappresenta il processo cardine dei nostri tempi. Di seguito l’indice completo del volume

Introduzione
1. Operare in un welfare in trasformazione 

Genesi e crisi di una grande conquista sociale/Crisi e complessità come parole chiave del contemporaneo/L’apoteosi dell’individuo consumatore/Le molte concezioni del benessere
2. Trasformazioni sociali e azione pubblica 
Una società in piena mutazione demografica e culturale/Pervasività della tecnica/Apatia politica e nuove forme dell’azione pubblica
3. Alle radici della collaborazione
La dialettica egoismo-altruismo: un dibattito ricorrente/Gli esseri umani come collaboratori nati?/Il processo collaborativo/Collaborazione e conflitto: un intreccio imprescindibile
4. Politiche pubbliche e coprogettazione 
Una molteplicità di attori/La collaborazione come requisito di una governance efficace
5. La partecipazione oltre la mitologia 
Un processo multiforme a intensità variabile/Creare condizioni favorevoli alla partecipazione/Esiste una domanda di partecipazione?/Creare un ambiente favorevole all’impegno sociale
6. Partecipare nell’epoca dei social media 
La comunicazione nel tempo dei social network/New media e pratiche collaborative
7. Politiche sociali e di cittadinanza attiva 
Includere generazioni e culture/Nuove generazioni e politiche giovanili/Un’inedita similitudine: anzianità e immigrazione
8. Promozione della salute e politiche territoriali 
Qualificare gli ambienti di vita/Le politiche territoriali
9. Conoscere contesti, attivare soggetti 
La metafora ecologica dell’intervento sociale/La ricerca-azione partecipata/L’osservazione partecipante/L’ascolto attivo/L’outreach/Photovoice e autonarratività/Il focus group
10. Costruire reti sociali, coordinare azioni locali 
Tessere reti collaborative/Coordinare gli sforzi su obiettivi comuni
11. Trasformare conflitti, sostenere percorsi di autopromozione 
Energia per il cambiamento/Accompagnare indirettamente
Bibliografia

Annunci

Scuola SDCPrende il via il 5 Ottobre 2018 a Milano la XX° edizione della Scuola di Sviluppo di Comunità (SCARICA IL PROGRAMMAorganizzata da Metodi in collaborazione con ARCO Cesena (FC), Cooperativa B-Cam (MI), Cooperativa Caracol (CN), Cooperativa Nivalis (MI)Istituto Italiano di Valutazione (MI). La Scuola, di durata annuale, è organizzata in 21 giornate formative (con cadenza mensile fino a giugno 2019) che mirano a sviluppare competenze pratico-applicative (metodologie e tecniche) relative a: paradigmi dello sviluppo di comunità – ricerca-azione partecipata – progettazione dialogica e concertativa – attivazione e conduzione di gruppi – facilitazione di riunioni e meetings – costruzione e mantenimento di reti sociali – gestione della comunicazione sociale e new media – negoziazione e gestione dei conflitti – problem solving collaborativo. Sconto per iscrizioni entro il 30 giugno 2018. Per maggiori informazioni scrivere a comunicazione@retemetodi.it

Cattura

Il Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive dell’Università di Trento organizza il giorno 11 dicembre 2014 un seminario di formazione continua dal titolo “Educatore promotore” presso l’Aula Magna, del Palazzo Piomarta, in corso Bettini 84 a Rovereto (TN). L’iniziativa è dedicata ai processi di partecipazione di cittadini e di persone in difficoltà alla soluzione dei problemi e alla costruzione della propria comunità; alla riorganizzazione dei servizi; al ruolo di advocacy dell’educatore in tempo di crisi. Il seminario è rivolto particolarmente ad Educatori professionali esperti, supervisori EP, studenti del terzo anno del Corso di Laurea in Educazione Professionale, assistenti sociali, insegnanti, animatori, dirigenti e coordinatori degli Enti nella Provincia di Trento. Programma: Introduzione – Dario Fortin, Università degli Studi di Trento; Facilitazione dello sviluppo di comunità e cittadinanza attiva – Ennio Ripamonti, Metodi – Università Milano Bicocca; Workshop: Stefano Bertoldi, Diego Giacometti, Diego Valentini – tutors Università degli Studi di Trento Marco Degasperi, Katia Guerriero, Lino Guidolin – ricercatori Università degli Studi di Trento. Restituzione dei lavori dei workshop; Ruolo del terzo settore e professionalità socio-sanitarie oggi – Johnny Dotti, Welfare Italia. Moderatori: Dario Fortin e Marco Dallari – Università degli Studi di Trento

CatturaSono in fase di chiusura le iscrizioni al corso di formazione annuale organizzato da Metodi, storica realtà italiana attiva dal 1985 nel lavoro sociale territoriale, in collaborazione con Arco Cesena e Cooperativa B-Cam. La Scuola di Sviluppo di comunità prende il via a Milano venerdì 3 ottobre ed è articolata in dieci moduli tematici (21 giornate complessive fino a giugno 2015) che mirano a sviluppare competenze pratico-applicative (metodologie e tecniche) relative a: paradigmi dello sviluppo di comunità – ricerca-azione partecipata – progettazione dialogica e concertativa – attivazione e conduzione di gruppi – facilitazione di riunioni e meetings – costruzione e mantenimento di reti sociali – gestione della comunicazione sociale e new media – negoziazione e gestione dei conflitti – problem solving collaborativo. Direzione scientifica Ennio Ripamonti, coordinamento didattico Davide Boniforti. Per maggiori informazioni http://www.retemetodi.itcomunicazione@retemetodi.it

Immaginea Torino dal 17 al 20 settembre 2014 si terrà il IX Forum internazionale Paulo Freire, promosso da Istituto Paulo Freire Italia e Gruppo Abele, con la partecipazione degli IPF di tutti i continenti. Il Forum costituisce il momento di incontro biennale tra gruppi, movimenti e persone che – in tutto il mondo – si richiamano all’eredità educativa e sociale del pedagogista brasiliano, scomparso nel 1997. La proposta freiriana di un’educazione emancipatrice è estremamente attuale in un’epoca nella quale i processi di globalizzazione moltiplicano ed aggravano le forme di disuguaglianza sociale. Il Forum si rivolge al mondo del lavoro sociale ed educativo per ricercare insieme sentieri di sviluppo della coscienza critica dinanzi alle contraddizioni attuali e per conoscere e scambiare pratiche spesso sommerse ma molto significative di alternativa costruttiva. Per informazioni approfondite sul Forum: www.paulofreire.it

SDC2014Negli ultimi anni gli approcci che fanno riferimento al lavoro sociale di comunità e allo sviluppo locale partecipato hanno conosciuto una straordinaria attenzione, sia sul piano legislativo che sul versante teorico. Sono molteplici e variegati i settori d’intervento interessati e le tematiche investite: riqualificazione e rigenerazione urbana, prevenzione delle tossicodipendenze, progetti giovani, promozione del benessere, educazione alla salute, peer education nella scuola, esclusione sociale, sostenibilità ambientale, sicurezza, educazione interculturale, politiche attive del lavoro e altro ancora. All’indiscutibile diffusione delle “parole chiave” tipiche dello sviluppo di comunità quali ad esempio partecipazione, autopromozione, collaborazione, responsabilità condivisa e senso di appartenenza non ha però sempre corrisposto un uguale sforzo metodologico e tecnico. Se il piano dichiarativo è tracciato in maniera inequivocabile è sul versante applicativo che si registrano difficoltà. La proposta di una Scuola di Sviluppo di Comunità si colloca esattamente in questo spazio e intende offrire un luogo intenzionalmente focalizzato a potenziare il bagaglio metodologico, tecnico e strumentale che rende possibile trasformare le intenzioni lodevoli in azioni efficaci. Un percorso formativo di 10 moduli tematici (20 giornate complessive) a Milano da febbraio a novembre 2014 per sviluppare competenze pratico-applicative (metodologie e tecniche) relative a: paradigmi dello sviluppo di comunità – ricerca-azione-partecipata – progettazione dialogica e concertativa – attivazione e conduzione di gruppi – facilitazione di riunioni e meetings – costruzione e mantenimento di reti sociali – gestione della comunicazione sociale e new media – negoziazione e gestione dei conflitti – problem solving collaborativo. Il programma completo su:http://www.retemetodi.it/SchedaCorso.asp?Area=3&idCorso=88

Paulo Freire
La VII° edizione della Scuola estiva di pedagogia freiriana organizzata dall’ Istituto Paulo Freire Italia (IPF) con il prezioso supporto di Metodi di Milano, Kaleidoscopio s.c.s., Libera e Demo si svolge a Piazzola di Rabbi (in fondo all’omonima valle situata a nord della Val di Sole, al confine orientale del Parco dello Stelvio) dal 28 al 31 agosto 2013. Quest’anno nella ricerca del tema si è voluto ritornare un po’ alle origini della Scuola e allo ‘spirito‘ con il quale è stata inizialmente pensata, proponendo un tema fondante della pedagogia di Paolo Freire, cioè il rapporto fra crescita personale e liberazione collettiva. La Scuola estiva è organizzata  su quattro intense giornate di lavoro, nelle quali si è però voluto – come da tradizione – riservare un adeguato di spazio per la riflessione in un contesto informale e distensivo e per un po’ di sano svago. Sono previsti contributi di: Bruno Volpi, fondatore dell’Associazione Mondo di Famiglie e Comunità, Sergio Tramma, docente di pedagogia sociale all’Università di Milano Bicocca,  Gisella Vismara docente all’Accademia di Brera di Milano, Mario Valzania formatore e psicodrammatista di Metodi. Informazioni e iscrizioni scrivendo a ipf.trento@gmail.com