Gli apprendimenti sociali in gioco nel partecipare

Pubblicato: dicembre 30, 2011 in Animazione, Lavoro sociale di rete, Servizi sociali, Sviluppo di Comunità, Volontariato

 L’articolo è stato pubblicato sulla rivista «Animazione Sociale », n.256/ Ottobre 2011 alle pagine 56-67. Queste annotazioni sulla generatività della partecipazione nascono da un interrogativo, maturato nel leggere le riflessioni offerte dai primi articoli dell’inserto: perché, in una situazione di vulnerabilità promuovere processi partecipativi, perlopiù al confine tra il ritrovarsi in gruppo e come gruppo  interagire in modo consistente con le istituzioni pubbliche locali, evitando fin dal principio di chiudere tale rapporto in una pura dimensione economica? Per dare una risposta adeguata è utile ripartire da alcuni concetti alla base di ogni fenomeno partecipativo che vede i cittadini disponibile a interagire  con  le istituzioni locali che sanno di non avere la risposta a molti dei problemi che emergono. Nella convinzione che, pur depurata dalle molte retoriche, la partecipazione si dimostra, comunque, di grande attualità. In questa prospettiva nelle riflessioni che seguono mentre si registrano alcune difficoltà si vuole rilanciarne il valore, sia intrinseco che strumentale. La partecipazione ha infatti un valore intrinseco per ogni democrazia forte e sana, in quanto sollecita un discorso pubblico intorno a questioni importanti per la vita di una comunità e in questo sta l’essenza stessa del governo (kràtos) del popolo (démos). Coltivare partecipazione significa investire in un’idea espansiva della cittadinanza, consentendo di dilatare la sfera d’influenza dentro la quale le persone possono operare scelte informate e consapevoli. Questa dinamica evolutiva evidenzia anche il valore strumentaledella partecipazione, poiché, favorendo il dibattito pubblico e la corresponsabilità sociale, migliora le probabilità di successo delle azioni. Per leggere l’intero articolo vai al Sito della Rivista Animazione Sociale

Annunci

I commenti sono chiusi.